Nessuna sottomissione
mercredi 22 juillet 2015
Auteur : par webmaster

Tutte le cose che accadono in questi giorni resteranno nella storia, non si dimenticherà che un governo di sinistra ha firmato la svendita del proprio paese e la distruzione della sua gente, piegandosi alle esigenze e agli interessi delle potenze imperialiste. Un governo che sfacciatamente svende la volontà, le aspettative, le speranze, la dignità e le esigenze del popolo.

fontsizeup fontsizedown impression envoyer l'article par mail suivre la vie du site syndiquer le forum 0 réaction
 
 

NESSUNA SOTTOMISSIONE !

Tutte le cose che accadono in questi giorni resteranno nella storia, non si dimenticherà che un governo di sinistra ha firmato la svendita del proprio paese e la distruzione della sua gente, piegandosi alle esigenze e agli interessi delle potenze imperialiste. Un governo che sfacciatamente svende la volontà, le aspettative, le speranze, la dignità e le esigenze del popolo.

Da questo punto di vista se e quanto il governo di SYRIZA sia di sinistra o di "sinistra" nella stime delle forze organizzate è del tutto irrilevante. Ciò che conta è che, per le grandi masse, Syriza è la sinistra ; conta che ciò che in questo momento si sta imprimendo nella coscienza popolare è che la sinistra ci ha venduto, e che "sono tutti uguali". Ciò che si fa allo stesso tempo avanti è la sensazione che la resistenza sia inutile e che nessuno può tenere testa ai potenti.

Cosa questo significhi e dove conduca, è più che evidente :

  • Discredito generale di tutte le forze della sinistra —peggio ancora, disprezzo dei suoi valori e dei suoi ideali.
  • Discredito dell’idee di resistenza e che la lotta paga —quindi sopravvento del servilismo, del fatalismo, della sottomissione al più forte.
  • Riciclaggio del venduto personale politico borghese —cancellazione delle linee di divisione tra destra e sinistra.
  • Una lezione di obbedienza impartita agli altri europei —per la precisione ai paesi più deboli.
  • Rafforzamento delle destre e delle forze fasciste —Alba Dorata che si accredita come una vera e propria forza anti-memorandum.

Per invertire questo corso :

  • I Deputati di SYRIZA, indipendentemente da ciò che hanno fatto o non ha fatto nel periodo precedente (una rivalutazione deve tuttavia essere compiuta per trarre conclusioni su come siamo arrivati a questo punto e come far fronte al periodo che sta arrivando), debbono davvero distinguersi dalle posizioni e dalle scelte di Tsipras e del governo. Devono rifiutarsi di firmare la condanna del popolo e del paese. Devono seguire un altro percorso, unire gli sforzi nel tentativo di creare un movimento e un nuovo soggetto politico, non solo per "salvare l’onore" e i valori di sinistra, ma per servire il popolo.
  • I Membri e funzionari di SYRIZA debbono dissociarsi dalla posizione della direzione e partecipare alla creazione del nuovo soggetto politico e, in sostanza, unirsi al popolo. Coloro che sono in posizioni di governo e di stato devono dimettersi, rifiutando di attuare politiche e misure impopolari. Alle intenzioni seguano i fatti.
  • Le Forze dell’ "altra di sinistra, quale che sia la loro appartenenza organizzativa, devono immediatamente chiamare alla creazione di un ampio spazio/fronte politico e sociale che raccolga la spinta del "No", con tutte quelle forze (senza esclusioni) che sono decise a sostenere il "No” fino in fondo contro l’austerità, al memorandum ed all’euro-protettorato. C’è un bisogno urgente per la costituzione di un veicolo politico unitario per la rottura e il ritiro della Grecia dalla zona euro e dall’Unione europea. Un fronte che organizzi il popolo a non capitolare, per tenere vivo lo spirito combattivo di resistenza, affinché la lotta per i diritti sia portata nelle strade. Si deve dare vita e sviluppare ad un movimento popolare che difenda la democrazia e l’indipendenza del Paese, le libertà ed i diritti dei lavoratori e dei giovani, affinché le classi lavoratrici possano vivere con dignità, per il futuro dei nostri figli e delle generazioni a venire.
  • Una Sinistra dovrebbe organizzare un soggetto politico indipendente indisponibile ad ogni svendita . Una sinistra che abbia un programma di lotta fattuale, che promuova una via d’uscita credibile dalla crisi. Una sinistra che serva il popolo ed i suoi diritti, che lotti per il rovesciamento delle misure e delle politiche impopolari. Una sinistra che difenda l’indipendenza nazionale, la lotta contro l’UE e ogni intrigo. Una sinistra che si batta contro ogni oppressione e sfruttamento e che dimostri che è possibile guadagnare un altro mondo.